Da sempre Verucchio Domani ha posto la massima attenzione alla cura e alla manutenzione del nostro territorio, alla tutela del paesaggio, allo sviluppo sociale ed economico della nostra comunità, consapevoli che ogni scelta è influenzata o interagisce con la pianificazione territoriale e l’urbanistica.

La qualità della vita e la coesione sociale, le speranze o le preoccupazioni dei nostri concittadini, la cultura e il turismo, il lavoro e la mobilità, il ciclo dei rifiuti e le politiche ambientali dipendono direttamente dallo sviluppo armonico del territorio, dalle scelte strategiche e di prospettiva che un’Amministrazione comunale è in grado di assumere. Abbiamo immaginato e sviluppato l’idea di una città compatta, con il giusto equilibrio tra edificato urbano e spazi pubblici di qualità; tra mobilità in auto e spostamenti a piedi in assoluta sicurezza; una città compatta nella quale fosse possibile organizzare servizi pubblici di qualità e favorire le iniziative commerciali.

La nuova Legge urbanistica regionale ci pone oggi di fronte ad importanti sfide a partire dall’obiettivo stabilito dall’Unione Europea di tendere al consumo di territorio zero da qui al 2050. Una rivoluzione culturale, per cittadini ed amministratori. Non si tratterà più di pianificare “solo” o prevalentemente nuove parti di paese, ma di dare priorità ad interventi di ricucitura del tessuto urbano, rigenerazione del patrimonio edilizio privato, riqualificazione degli spazi pubblici.

Su questo campo ci sentiamo di essere stati precursori e di avere anticipato il futuro: la realizzazione di piazza Europa ne è, in questo senso, l’esempio più calzante. Essa nasce proprio dall’idea di volere riqualificare il centro di Villa Verucchio, sostituendo quello che c’era con nuovi spazi abitativi, ma anche spazi pubblici collettivi, servizi commerciali e assistenziali. Un’idea che ha attraversato diversi mandati amministrativi, ma che si è concretizzata proprio grazie a continuità e programmazione.

Subito dopo le elezioni, l’Amministrazione dovrà misurarsi con la stesura del nuovo Piano Urbanistico Generale (PUG) e noi crediamo di essere pronti, forti della nostra esperienza e della nostra tradizione. Ogni decisione sarà orientata a creare un paese universale ed inclusivo, accessibile e vivibile per tutti, per favorire l’integrazione e fare crescere lo spirito della nostra comunità, per creare opportunità di lavoro e migliorare ulteriormente la qualità dei servizi. Le direttrici lungo le quali ci muoveremo saranno:

  • la qualità della città pubblica e la riorganizzazione degli spazi collettivi;
  • la rigenerazione degli edifici pubblici e privati;
  • le politiche per l’abbattimento dell’inquinamento di aria ed acqua;
  • la riorganizzazione della viabilità e della mobilità, con il completamento della rete ciclopedonale;
  • la cura del territorio, attraverso la prevenzione, con particolare riferimento al rischio idrogeologico;
  • la salvaguardia dell’ambiente e del paesaggio. Nel concreto, cercheremo di favorire le iniziative private laddove possano essere conseguiti obiettivi pubblici e coltivati interessi collettivi, come ad esempio:
    • dare una nuova vocazione all’area del Rendez Vouz e a quella della cantina vinicola “F.lli Bernardi”;
    • attuare un vasto piano di riqualificazione e rigenerazione urbana che coinvolga l’area dell’ex canonica e le aree private circostanti che insistono tra via Trario e via Aldo Moro;
    • ripensare l’intera area su cui insistono piazzale Risorgimento e la scuola materna parrocchiale;
    • trasferire le attività produttive incongrue, presenti oggi sul territorio, e riprogettare quelle aree;
    • valorizzare l’inestimabile storia della Tenuta Amalia e delle “case rosse”;
    • realizzare un percorso protetto per la mobilità attiva che da via Casetti arrivi fino a collegarsi a via Tomba al confine con il vicino comune di Santarcangelo;
    • dare attuazione ai progetti “ciclabili” per collegare la frazione di Cantelli con il capoluogo e quella di Ponte Verucchio con Villa Verucchio;
    • riqualificare la frazione di Dogana;
    • progettare e dare attuazione ad un piano per il completamento delle piste pedonali nella frazione di Villa Verucchio;
    • dare attuazione a progetti di “Edilizia residenziale sociale” per soddisfare i bisogni abitativi delle fasce più deboli e delle giovani coppie.

Idee forti e chiare, progetti concreti e realizzabili, perché Verucchio Domani è già oggi.

Christian Maffei